Art. 34-42 – DECRETO LEGISLATIVO 24 febbraio 1998, n. 58 – Testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, ai sensi degli articoli 8 e 21 della legge 6 febbraio 1996, n. 52. 


Art. 34 (Autorizzazione della societa’ di gestione del risparmio)

1. La Banca d’Italia, sentita la Consob, autorizza le Sgr all’esercizio del servizio di gestione collettiva del risparmio con riferimento sia agli OICVM sia ai FIA, nonche’ all’esercizio del servizio di gestione di portafogli, del servizio di consulenza in materia di investimenti e del servizio di ricezione e trasmissione di ordini, quando ricorrono le seguenti condizioni: a) sia adottata la forma di societa’ per azioni; b) la sede legale e la direzione generale della societa’ siano situate nel territorio della Repubblica; c) il capitale sociale versato sia di ammontare non inferiore a quello determinato in via generale dalla Banca d’Italia; d) i soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo siano idonei, secondo quanto previsto dall’articolo 13;e) i titolari delle partecipazioni indicate all’articolo 15, comma 1, hanno i requisiti e soddisfano i criteri stabiliti ai sensi dell’articolo 14 e non ricorrono le condizioni per il divieto previsto dall’articolo 15, comma 2; f) la struttura del gruppo di cui e’ parte la societa’ non sia tale da pregiudicare l’effettivo esercizio della vigilanza sulla societa’ stessa e siano fornite almeno le informazioni richieste ai sensi dell’articolo 15, comma 5; g) venga presentato, unitamente all’atto costitutivo e allo statuto, un programma concernente l’attivita’ iniziale nonche’ una relazione sulla struttura organizzativa; h) la denominazione sociale contenga le parole “societa’ di gestione del risparmio”.

2. L’autorizzazione e’ negata quando dalla verifica delle condizioni indicate nel comma 1 non risulta garantita la sana e prudente gestione.

3. La Banca d’Italia, sentita la CONSOB, disciplina la procedura di autorizzazione e le ipotesi di decadenza dall’autorizzazione quando la societa’ di gestione del risparmio non abbia iniziato o abbia interrotto lo svolgimento dei servizi autorizzati.

4. La Banca d’Italia, sentita la CONSOB, autorizza le operazioni di fusione o di scissione di societa’ di gestione del risparmio.

Art. 35 (Albo)

1. Le Sgr sono iscritte in un apposito albo tenuto dalla Banca d’Italia distinto in due sezioni per la gestione di OICVM e di FIA. Le societa’ di gestione UE e i GEFIA UE e non UE che hanno effettuato le comunicazioni ai sensi degli articoli 41-bis, 41-ter e 41-quater, sono iscritte in sezioni distinte di un apposito elenco allegato all’albo.

2. La Banca d’Italia comunica alla CONSOB le iscrizioni all’albo di cui al comma 1.

3. I soggetti indicati nel comma 1 indicano negli atti e nella corrispondenza gli estremi dell’iscrizione all’albo.

Art. 35-bis (Costituzione).

1. La Banca d’Italia, sentita la Consob, autorizza la costituzione delle Sicav e delle Sicaf se ricorrono le seguenti condizioni: a) e’ adottata la forma di societa’ per azioni nel rispetto delle disposizioni del presente capo; b) la sede legale e la direzione generale della societa’ sono situate nel territorio della Repubblica; c) il capitale sociale e’ di ammontare non inferiore a quello determinato in via generale dalla Banca d’Italia; d) i soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo siano idonei secondo quanto previsto dall’articolo 13; e) i titolari delle partecipazioni indicate all’articolo 15, comma 1, hanno i requisiti e soddisfano i criteri stabiliti ai sensi dell’articolo 14 e non ricorrono le condizioni per il divieto previsto dall’articolo 15, comma 2; f) per le Sicav lo statuto prevede come oggetto esclusivo l’investimento collettivo del patrimonio raccolto mediante offerta delle proprie azioni; per le Sicaf lo statuto prevede come oggetto esclusivo l’investimento collettivo del patrimonio raccolto mediante offerta delle proprie azioni e degli strumenti finanziari partecipativi indicati nello statuto stesso; g) la struttura del gruppo di cui e’ parte la societa’ non e’ tale da pregiudicare l’effettivo esercizio della vigilanza sulla societa’ e sono fornite almeno le informazioni richieste ai sensi dell’articolo 15, comma 5; h) e’ presentato, unitamente all’atto costitutivo e allo statuto, un programma concernente l’attivita’ iniziale nonche’ una relazione sulla struttura organizzativa.

2. La Banca d’Italia, sentita la Consob, con regolamento: a) disciplina la procedura di autorizzazione prevista dal comma 1 e le ipotesi di decadenza dalla stessa; b) individua la documentazione che i soci fondatori sono tenuti a presentare unitamente alla richiesta di autorizzazione e al contenuto del progetto di atto costitutivo e di statuto.

3. La Banca d’Italia attesta la conformita’ del progetto di atto costitutivo e di statuto alle prescrizioni di legge e di regolamento e, con riferimento alle Sicav e alle Sicaf diverse dai FIA riservati, ai criteri generali dalla stessa predeterminati.

4. I soci fondatori della Sicav o della Sicaf procedono alla costituzione della societa’ ed ad effettuare i versamenti relativi al capitale iniziale sottoscritto entro trenta giorni dalla data di rilascio dell’autorizzazione. Il capitale iniziale deve essere interamente versato.

5. La denominazione sociale della Sicav contiene l’indicazione di societa’ di investimento per azioni a capitale variabile. La denominazione sociale della Sicaf contiene l’indicazione di societa’ di investimento per azioni a capitale fisso. Tali denominazioni risultano in tutti i documenti delle societa’. Alla Sicav e alla Sicaf non si applicano gli articoli 2333, 2334, 2335 e 2336 del codice civile; per le Sicav non sono ammessi i conferimenti in natura.

6. Nel caso di Sicav e Sicaf multicomparto, ciascun comparto costituisce patrimonio autonomo, distinto a tutti gli effetti da quello degli altri comparti. Il patrimonio di una medesima Sicav puo’ essere suddiviso in comparti costituiti esclusivamente da FIA o da OICVM.

Art. 35-ter (Albi).

1. Le Sicav e le Sicaf autorizzate in Italia sono iscritte in appositi albi tenuti dalla Banca d’Italia. L’albo delle Sicav e’ articolato in due sezioni distinte a seconda che le Sicav siano costituite in forma di OICVM o FIA.

2. La Banca d’Italia comunica alla Consob le iscrizioni all’albo di cui al comma 1.

3. I soggetti previsti dal comma 1 indicano negli atti e nella corrispondenza gli estremi dell’iscrizione all’albo.

Art. 35-quater (( (Capitale e azioni della Sicav). )) ((1. Il capitale della Sicav e’ sempre uguale al patrimonio netto detenuto dalla societa’, cosi’ come determinato ai sensi dell’articolo 6, comma 1, lettera c), n. 5). 2. Alla Sicav non si applicano gli articoli da 2438 a 2447-decies del codice civile. 3. Le azioni rappresentative del capitale della Sicav devono essere interamente liberate al momento della loro emissione. 4. Le azioni della Sicav possono essere nominative o al portatore secondo quanto stabilito dallo statuto. Le azioni al portatore attribuiscono un solo voto per ogni socio indipendentemente dal numero di azioni di tale categoria possedute. 5. Lo statuto della Sicav indica le modalita’ di determinazione del valore delle azioni e del prezzo di emissione e di rimborso nonche’ la periodicita’ con cui le azioni possono essere emesse e rimborsate. 6. Lo statuto della Sicav puo’ prevedere: a) limiti all’emissione di azioni nominative; b) particolari vincoli di trasferibilita’ delle azioni nominative; c) l’esistenza di piu’ comparti di investimento per ognuno dei quali puo’ essere emessa una particolare categoria di azioni; in tal caso sono stabiliti i criteri di ripartizione delle spese generali tra i vari comparti; d) la possibilita’ di emettere frazioni di azioni, fermo restando che l’attribuzione e l’esercizio dei diritti sociali sono comunque subordinati al possesso di almeno un’azione, secondo la disciplina del presente capo. 7. Alla Sicav non si applicano gli articoli 2346, comma sesto, 2348, commi secondo e terzo, 2349, 2350, commi secondo e terzo, 2351, 2352, comma terzo, 2353, 2354, comma terzo, numeri 3) e 4), 2355-bis e 2356 del codice civile. 8. La Sicav non puo’ emettere obbligazioni o azioni di risparmio ne’ acquistare o comunque detenere azioni proprie.))

Art. 35-quinquies (( (Capitale e azioni della Sicaf). )) ((1. Alla Sicaf non si applicano gli articoli da 2447-bis a 2447-decies del codice civile. 2. Le azioni della Sicaf possono essere nominative o al portatore secondo quanto stabilito dallo statuto. Le azioni al portatore attribuiscono un solo voto per ogni socio indipendentemente dal numero di azioni di tale categoria possedute. 3. Lo statuto della Sicaf indica le modalita’ di determinazione del valore delle azioni e degli eventuali strumenti finanziari partecipativi emessi. 4. Lo statuto della Sicaf puo’ prevedere: a) limiti all’emissione di azioni nominative; b) particolari vincoli di trasferibilita’ delle azioni nominative; c) l’esistenza di piu’ comparti di investimento per ognuno dei quali puo’ essere emessa una particolare categoria di azioni; in tal caso sono stabiliti i criteri di ripartizione delle spese generali tra i vari comparti; d) la possibilita’ di emettere frazioni di azioni, fermo restando che l’attribuzione e l’esercizio dei diritti sociali sono comunque subordinati al possesso di almeno un’azione, secondo la disciplina del presente capo; e) nel caso di Sicaf riservata e fermo restando quanto previsto dall’articolo 35-bis, comma 4, la possibilita’ di effettuare i versamenti relativi alle azioni sottoscritte in piu’ soluzioni, a seguito dell’impegno dell’azionista a effettuare il versamento a richiesta della Sicaf stessa in base alle esigenze di investimento. 5. Alle Sicaf non si applicano gli articoli 2349, 2350, commi secondo e terzo, e 2353 del codice civile. Alle Sicaf non riservate a investitori professionali e alle categorie di investitori individuate dal regolamento di cui all’articolo 39 non si applica, altresi’, l’articolo 2356 del codice civile. 6. Le Sicaf non possono emettere obbligazioni.))

Art. 35-sexies (( (Assemblea della Sicav). )) ((1. L’assemblea ordinaria e l’assemblea straordinaria in seconda convocazione della Sicav sono regolarmente costituite e possono validamente deliberare qualunque sia la parte del capitale sociale intervenuta. 2. Il voto puo’ essere dato per corrispondenza se cio’ e’ ammesso dallo statuto. In tal caso l’avviso di convocazione deve contenere per esteso la deliberazione proposta. Non si tiene conto del voto in tal modo espresso se la delibera sottoposta a votazione dall’assemblea non e’ conforme a quella contenuta nell’avviso di convocazione, ma le azioni relative sono computate ai fini della regolare costituzione dell’assemblea straordinaria. Con regolamento del Ministro dell’economia e delle finanze, sentite la Banca d’Italia e la Consob, sono stabilite le modalita’ operative per l’esercizio del voto per corrispondenza. 3. L’avviso previsto dall’articolo 2366, comma secondo, del codice civile e’ pubblicato anche con le modalita’ previste dallo statuto per la pubblicazione del valore patrimoniale della societa’ e il valore unitario delle azioni; il termine indicato nello stesso articolo 2366, comma secondo, e’ fissato in trenta giorni.))

Art. 35-septies (( (Modifiche dello statuto). )) ((1. La Banca d’Italia approva le modifiche dello statuto della Sicav e della Sicaf non riservate. 2. Le deliberazioni comportanti modifiche allo statuto della Sicav e della Sicaf non riservate non possono essere iscritte ai sensi e per gli effetti previsti dall’articolo 2436 del codice civile, se non hanno ottenuto l’approvazione nei termini e con le modalita’ previste dal comma 1. La delibera e’ inviata alla Banca d’Italia entro quindici giorni dalla data di svolgimento dell’assemblea; il deposito previsto dall’articolo 2436 del codice civile deve essere effettuato entro quindici giorni dalla data di ricezione del provvedimento di approvazione della Banca d’Italia. Non si applica l’articolo 2376 del codice civile.))

Art. 35-octies (( (Scioglimento e liquidazione volontaria). )) ((1. Alle Sicav non si applica l’articolo 2484, primo comma, numeri 4) e 5), del codice civile. Quando il capitale della Sicav si riduce al di sotto della misura determinata ai sensi dell’articolo 35-bis, comma 1, lettera c), e permane tale per un periodo di sessanta giorni, la societa’ si scioglie. Il termine e’ sospeso qualora sia iniziata una procedura di fusione con altra Sicav o una Sicaf. 2. Per le Sicav e le Sicaf, gli atti per i quali e’ prevista la pubblicita’ dall’articolo 2484, terzo e quarto comma, del codice civile, sono pubblicati anche con le modalita’ previste dallo statuto per la pubblicazione del valore patrimoniale della societa’ e comunicati alla Banca d’Italia nel termine di dieci giorni dall’avvenuta iscrizione nel registro delle imprese. L’emissione ed il rimborso di azioni sono sospesi, nel caso previsto dall’articolo 2484, primo comma, numero 6), del codice civile, dalla data di assunzione della delibera, nei casi previsti dall’articolo 2484 del codice civile e, per le Sicav, dal comma 1 del presente articolo, dal momento dell’assunzione della delibera del consiglio di amministrazione ovvero dal momento dell’iscrizione presso il registro delle imprese del decreto del presidente del tribunale. La delibera del consiglio di amministrazione e’ trasmessa anche alla Consob nel medesimo termine. 3. La nomina, la revoca e la sostituzione dei liquidatori spetta all’assemblea straordinaria. Si applicano l’articolo 2487 del codice civile, ad eccezione del comma 1, lettera c), e l’articolo 97 del testo unico bancario. 4. Alla Banca d’Italia sono preventivamente comunicati il piano di smobilizzo e quello di riparto. I liquidatori provvedono a liquidare l’attivo della societa’ nel rispetto delle disposizioni stabilite dalla Banca d’Italia. 5. Il bilancio di liquidazione e’ sottoposto al giudizio del soggetto incaricato della revisione legale dei conti ed e’ pubblicato sui quotidiani indicati nello statuto. 6. Il depositario procede, su istruzione dei liquidatori, al rimborso delle azioni nella misura prevista dal bilancio finale di liquidazione. 7. Per quanto non previsto dal presente articolo alla Sicav e alla Sicaf si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni del libro V, titolo V, capo VIII, del codice civile.))

Art. 35-novies (( (Trasformazione). )) ((1. Le Sicav che hanno la forma di OICVM non possono trasformarsi in un organismo diverso da un OICVM italiano. Le Sicav che hanno la forma di FIA e le Sicaf non possono trasformarsi in un organismo diverso da un Oicr italiano.))

Art. 35-decies (( (Regole di comportamento e diritto di voto). )) ((1. Le Sgr, le Sicav e le Sicaf che gestiscono i propri patrimoni: a) operano con diligenza, correttezza e trasparenza nel miglior interesse degli Oicr gestiti, dei relativi partecipanti e dell’integrita’ del mercato; b) si organizzano in modo tale da ridurre al minimo il rischio di conflitti di interesse anche tra i patrimoni gestiti e, in situazioni di conflitto, agiscono in modo da assicurare comunque un equo trattamento degli Oicr gestiti; c) adottano misure idonee a salvaguardare i diritti dei partecipanti agli Oicr gestiti e dispongono di adeguate risorse e procedure idonee ad assicurare l’efficiente svolgimento dei servizi; d) assicurano la parita’ di trattamento nei confronti di tutti i partecipanti a uno stesso Oicr gestito nel rispetto delle condizioni stabilite dalla Consob, sentita la Banca d’Italia, in conformita’ al diritto dell’Unione europea. In relazione ai FIA riservati, trattamenti preferenziali nei confronti di uno o piu’ investitori o categorie di investitori sono consentiti nel rispetto della direttiva 2011/61/UE e delle relative disposizioni attuative; e) provvedono, nell’interesse dei partecipanti, all’esercizio dei diritti di voto inerenti agli strumenti finanziari di pertinenza degli Oicr gestiti, salvo diversa disposizione di legge.))

Art. 35-undecies (( (Deroghe per i GEFIA italiani). )) ((1. Per le finalita’ indicate dall’articolo 6, comma 01, la Banca d’Italia e la Consob, nell’ambito delle rispettive competenze, possono esentare i gestori autorizzati che gestiscono FIA italiani riservati il cui valore totale dei beni gestiti non supera 100 milioni di euro ovvero 500 milioni se gli Oicr gestiti non fanno ricorso alla leva finanziaria e non consentono agli investitori di esercitare il diritto di rimborso per 5 anni dopo l’investimento iniziale, dall’applicazione delle disposizioni attuative dell’articolo 6, commi 1, 2 e 2-bis.))

Art. 35-duodecies (( (Valutazione del merito di credito). )) ((1. I gestori, per la valutazione del merito di credito dei beni in cui investono gli Oicr, adottano sistemi e procedure che non prevedono l’affidamento esclusivo o meccanico alle valutazioni emesse da agenzie di rating del credito. 2. Tenendo conto della natura, della portata e della complessita’ delle attivita’ degli Oicr, la Banca d’Italia e la Consob, nell’ambito delle rispettive competenze, verificano l’adeguatezza dei sistemi e delle procedure adottati dai gestori ai sensi del comma 1 e valutano che l’utilizzo, nell’ambito delle politiche di investimento degli Oicr, dei riferimenti ai rating del credito emessi da agenzie di rating del credito, sia effettuato in modo da ridurre l’affidamento esclusivo o meccanico agli stessi.))

Art. 36 (( Fondi comuni di investimento). )) ((1. Il fondo comune di investimento e’ gestito dalla societa’ di gestione del risparmio che lo ha istituito o dalla societa’ di gestione subentrata nella gestione, in conformita’ alla legge e al regolamento. 2. Il rapporto di partecipazione al fondo comune di investimento e’ disciplinato dal regolamento del fondo. La Banca d’Italia, sentita la Consob, determina i criteri generali di redazione del regolamento del fondo diverso dal FIA riservato e il suo contenuto minimo, a integrazione di quanto previsto dall’articolo 39. 3. La Sgr che ha istituito il fondo o la societa’ di gestione che e’ subentrata nella gestione agiscono in modo indipendente e nell’interesse dei partecipanti al fondo,assumendo verso questi ultimi gli obblighi e le responsabilita’ del mandatario. 4. Ciascun fondo comune di investimento, o ciascun comparto di uno stesso fondo, costituisce patrimonio autonomo, distinto a tutti gli effetti dal patrimonio della societa’ di gestione del risparmio e da quello di ciascun partecipante, nonche’ da ogni altro patrimonio gestito dalla medesima societa’; delle obbligazioni contratte per conto del fondo, la Sgr risponde esclusivamente con il patrimonio del fondo medesimo. Su tale patrimonio non sono ammesse azioni dei creditori della societa’ di gestione del risparmio o nell’interesse della stessa, ne’ quelle dei creditori del depositario o del sub depositario o nell’interesse degli stessi. Le azioni dei creditori dei singoli investitori sono ammesse soltanto sulle quote di partecipazione dei medesimi. La societa’ di gestione del risparmio non puo’ in alcun caso utilizzare, nell’interesse proprio o di terzi, i beni di pertinenza dei fondi gestiti. 5. Le quote di partecipazione ai fondi comuni, sono nominative o al portatore, secondo quanto previsto nel regolamento del fondo. La Banca d’Italia puo’ stabilire in via generale, sentita la Consob, le caratteristiche dei certificati e il valore nominale unitario iniziale delle quote, tenendo conto anche dell’esigenza di assicurare la portabilita’ delle quote. ))

Art. 37 (( (Regolamento del fondo). )) ((1. Il regolamento di ciascun fondo comune di investimento definisce le caratteristiche del fondo, ne disciplina il funzionamento, indica il gestore e il depositario, definisce la ripartizione dei compiti tra tali soggetti, regola i rapporti intercorrenti tra tali soggetti e i partecipanti al fondo. 2. Il regolamento stabilisce in particolare: a) la denominazione e la durata del fondo; b) le modalita’ di partecipazione al fondo, i termini e le modalita’ dell’emissione ed estinzione dei certificati e della sottoscrizione e del rimborso delle quote nonche’ le modalita’ di liquidazione del fondo; c) gli organi competenti per la scelta degli investimenti e i criteri di ripartizione degli investimenti medesimi; d) il tipo di beni, di strumenti finanziari e di altri valori in cui e’ possibile investire il patrimonio del fondo; e) i criteri relativi alla determinazione dei proventi e dei risultati della gestione nonche’ le eventuali modalita’ di ripartizione e distribuzione dei medesimi; f) le spese a carico del fondo e quelle a carico della societa’ di gestione del risparmio; g) la misura o i criteri di determinazione delle provvigioni spettanti alla societa’ di gestione del risparmio e degli oneri a carico dei partecipanti; h) le modalita’ di pubblicita’ del valore delle quote di partecipazione; i) se il fondo e’ un fondo feeder. 3. Il regolamento dei fondi chiusi diversi dai FIA riservati prevede che i partecipanti possono riunirsi in assemblea esclusivamente per deliberare sulla sostituzione del gestore. L’assemblea e’ convocata dal consiglio di amministrazione della societa’ di gestione anche su richiesta dei partecipanti che rappresentano almeno il 5 per cento del valore delle quote in circolazione e le deliberazioni sono approvate con il voto favorevole della maggioranza assoluta delle quote degli intervenuti all’assemblea. Il quorum deliberativo non puo’ in ogni caso essere inferiore al 10 per cento del valore di tutte le quote in circolazione. 4. La Banca d’Italia approva il regolamento dei fondi diversi dai FIA riservati e le relative modificazioni, valutandone in particolare la completezza e la compatibilita’ con i criteri generali determinati ai sensi degli articoli 36 e 37. 5. La Banca d’Italia individua le ipotesi in cui, in base all’oggetto dell’investimento, alla categoria di investitori o alle regole di funzionamento del fondo, il regolamento e le sue modificazioni si intendono approvati in via generale. Negli altri casi il regolamento si intende approvato quando la Banca d’Italia non adotta un provvedimento di diniego nel termine dalla medesima preventivamente stabilito. ))

Art. 38 (Sicav e Sicaf che designano un gestore esterno). 1. La Banca d’Italia, sentita la Consob, autorizza la costituzione di Sicav e di Sicaf che designano per la gestione del proprio patrimonio un gestore esterno quando ricorrono le seguenti condizioni: a) e’ adottata la forma di societa’ per azioni nel rispetto delle disposizioni del presente capo; b) la sede legale e la direzione generale della societa’ sono situate nel territorio della Repubblica; c) il capitale sociale e’ di ammontare non inferiore a quello determinato in via generale dalla Banca d’Italia; ((d) i soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo siano idonei secondo quanto previsto dall’articolo 13;)) e) i titolari delle partecipazioni indicate all’articolo 15, comma 1, posseggono i ((e soddisfano i criteri)) di onorabilita’ stabiliti ai sensi dell’articolo 14 e non ricorrono le condizioni per l’adozione del divieto previsto dall’articolo 15, comma 2; f) nello statuto e’ previsto: 1) per le Sicav, come oggetto sociale esclusivo, l’investimento collettivo del patrimonio raccolto mediante offerta al pubblico delle proprie azioni; per le Sicaf, come oggetto sociale esclusivo, l’investimento collettivo del patrimonio raccolto mediante offerta al pubblico delle proprie azioni e degli altri strumenti finanziari partecipativi previsti dallo statuto stesso; 2) l’affidamento della gestione dell’intero patrimonio a un gestore esterno e l’indicazione della societa’ designata; g) la stipula di un accordo tra il gestore, se diverso da una Sgr, e il depositario che assicura a quest’ultimo la disponibilita’ delle informazioni necessarie per lo svolgimento delle proprie funzioni, secondo quanto previsto nell’articolo 41-bis, comma 2-bis. 2. Si applica l’articolo 35-bis, commi 3, 4, 5 e 6.

Art. 39 (( (Struttura degli Oicr italiani). )) ((1. Il Ministro dell’economia e delle finanze, con regolamento adottato sentite la Banca d’Italia e la Consob, determina i criteri generali cui devono uniformarsi gli Oicr italiani con riguardo: a) all’oggetto dell’investimento; b) alle categorie di investitori cui e’ destinata l’offerta delle quote o azioni. c) alla forma aperta o chiusa e alle modalita’ di partecipazione, con particolare riferimento alla frequenza di emissione e rimborso delle quote, all’eventuale ammontare minimo delle sottoscrizioni e alle procedure da seguire; d) all’eventuale durata minima e massima; e) alle condizioni e alle modalita’ con le quali devono essere effettuati gli acquisti o i conferimenti dei beni, sia in fase costitutiva che in fase successiva alla costituzione del fondo. 2. Il regolamento previsto dal comma 1 stabilisce inoltre: a) le categorie di investitori non professionali nei cui confronti e’ possibile commercializzare quote di FIA italiani riservati, secondo le modalita’ previste dall’articolo 43; b) le scritture contabili, il rendiconto e i prospetti periodici che le societa’ di gestione del risparmio redigono, in aggiunta a quanto prescritto per le imprese commerciali, nonche’ gli obblighi di pubblicita’ del rendiconto e dei prospetti periodici; c) le ipotesi nelle quali la societa’ di gestione del risparmio deve chiedere l’ammissione alla negoziazione in un mercato regolamentato delle quote dei fondi; d) i requisiti e i compensi degli esperti indipendenti indicati nell’articolo 6, comma 1, lettera c), numero 5). ))

Art. 40 (( (Autorizzazione e regole di funzionamento delle strutture master-feeder). )) (( 1. La Banca d’Italia autorizza l’investimento dell’Oicr italiano feeder nell’Oicr master, quando ricorrono le seguenti condizioni: a) sussistono accordi, rispettivamente, tra i gestori, i depositari e i revisori legali o le societa’ di revisione legale degli Oicr master e degli Oicr feeder, che consentono la disponibilita’ dei documenti e delle informazioni necessari a svolgere i rispettivi compiti; b) nel caso in cui l’Oicr master e l’Oicr feeder hanno lo stesso gestore, quest’ultimo adotta norme interne di comportamento che assicurano la medesima disponibilita’ di documenti e informazioni di cui alla lettera a); c) l’Oicr master e l’Oicr feeder possiedono le caratteristiche previste dal regolamento di cui al comma 2. 2. La Banca d’Italia, sentita la Consob, disciplina con regolamento: a) la procedura di autorizzazione dell’investimento dell’Oicr feeder nell’Oicr master, nonche’ le informazioni e i documenti da fornire con l’istanza di autorizzazione; b) il contenuto degli accordi e delle norme interne di comportamento di cui al comma 1; c) i requisiti dell’Oicr master e dell’Oicr feeder, nonche’ le regole ad essi applicabili; d) le regole applicabili all’Oicr feeder nel caso di liquidazione, fusione, scissione, sospensione temporanea del riacquisto, del rimborso o della sottoscrizione delle quote dell’Oicr master, nonche’ le regole applicabili all’Oicr feeder e all’Oicr master per coordinare la tempistica del calcolo e della pubblicazione del loro valore patrimoniale netto; e) gli obblighi di comunicazione e lo scambio di informazioni e documenti tra il gestore, il depositario, il revisore legale o la societa’ di revisione legale, rispettivamente dell’Oicr master e dell’Oicr feeder, nonche’ tra tali soggetti e la Banca d’Italia, la Consob e le autorita’ competenti dell’Oicr master e dell’Oicr feeder UE e non UE. 3. Agli Oicr master e agli Oicr feeder si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni delle sezioni I, II, III e V del presente capo. 4. Agli OICVM UE master, che non commercializzano in Italia le proprie quote nei confronti di soggetti diversi dagli Oicr feeder, non si applica l’articolo 42, commi 1, 2, 3 e 4. Ai FIA master UE e non UE si applicano le disposizioni del capo II-ter. 5. Fermo restando quanto previsto nell’articolo 9, il revisore legale o la societa’ di revisione legale incaricati della revisione dell’Oicr feeder indicano nella relativa relazione sulla revisione le irregolarita’ evidenziate nella relazione di revisione dell’Oicr master nonche’ l’impatto delle irregolarita’ riscontrate nell’Oicr feeder. Nel caso in cui gli esercizi sociali dell’Oicr master e dell’Oicr feeder si chiudano in date diverse, il revisore legale o la societa’ di revisione legale incaricati della revisione dell’Oicr master redigono una specifica relazione di revisione con riferimento alla data di chiusura dell’esercizio dell’Oicr feeder. 6. La Banca d’Italia e la Consob, in conformita’ alle disposizioni dell’UE, comunicano al gestore dell’Oicr feeder ovvero all’autorita’ competente dell’OICVM feeder UE i provvedimenti assunti per il mancato rispetto delle disposizioni contenute nel presente capo nei confronti dei soggetti individuati dal presente articolo, nonche’ le informazioni ricevute ai sensi dell’articolo 8, comma 4, relative al gestore dell’Oicr master e all’Oicr master. 7. Le norme del presente articolo non si applicano ai FIA italiani riservati. ))

Art. 40-bis (( (Fusione e scissione di Oicr). )) (( 1. La Banca d’Italia autorizza, dandone comunicazione alla Consob, la fusione o la scissione di Oicr italiani sulla base dei relativi progetti, delle attestazioni di conformita’ rese dai depositari dei fondi coinvolti e dell’informativa ai partecipanti che deve essere idonea a consentire di pervenire ad un fondato giudizio sull’impatto della fusione sull’investimento. La Banca d’Italia puo’ individuare le ipotesi, in base alle caratteristiche degli Oicr oggetto dell’operazione o al contenuto dell’informativa ai partecipanti, in cui l’autorizzazione alla fusione o alla scissione di Oicr e’ rilasciata in via generale. 2. Le Sgr mettono a disposizione dei partecipanti ai fondi e della Banca d’Italia una relazione, redatta dal depositario ovvero da un revisore legale o da una societa’ di revisione legale, che attesta la correttezza dei criteri adottati per la valutazione delle attivita’ e delle passivita’ del fondo, dell’eventuale conguaglio in denaro, del metodo di calcolo e del livello effettivo del rapporto di cambio alla data di riferimento di tale rapporto. 3. Le Sicav e le Sicaf coinvolte in operazioni di fusione o scissione applicano gli articoli contenuti nel libro V, titolo V, capo X, sezioni II e III del codice civile, in quanto compatibili. Il progetto di fusione o quello di scissione, redatti sulla base di quanto richiesto dal regolamento della Banca d’Italia di cui al comma 4, e le eventuali deliberazioni assembleari di modifica dei medesimi progetti sono preventivamente autorizzati dalla Banca d’Italia. In assenza dell’autorizzazione prevista dal comma 1, non e’ possibile dare corso alle iscrizioni nel registro delle imprese. 4. La Banca d’Italia, sentita la Consob, disciplina con regolamento: a) la procedura di autorizzazione e le relative condizioni; b) l’individuazione della data di efficacia dell’operazione e i criteri di imputazione dei costi dell’operazione; c) l’informativa da rendere ai partecipanti; d) le forme ammesse per le fusioni e le scissioni; e) l’oggetto delle attestazioni di conformita’ e della relazione previste dai commi 1 e 2; f) i diritti dei partecipanti. 5. Le norme del presente articolo non si applicano ai FIA italiani riservati. ))

Art. 40-ter (( (Fusione transfrontaliera di OICVM). )) (( 1. Alle fusioni tra OICVM UE e OICVM italiani e a quelle che coinvolgono OICVM italiani le cui quote sono commercializzate in un altro Stato dell’UE ai sensi dell’articolo 41, comma 2, lettera a), si applicano, oltre all’articolo 40-bis, le disposizioni contenute nel presente articolo. 2. Nel caso in cui l’OICVM risultante dalla fusione o incorporante non sia un OICVM italiano, l’autorizzazione alla fusione e’ rilasciata dalla Banca d’Italia, secondo quanto previsto dalle disposizioni dell’Unione europea. 3. Nel caso in cui l’OICVM risultante dalla fusione o incorporante sia un OICVM italiano, la Banca d’Italia puo’ richiedere per tale OICVM la modifica dell’informativa ai partecipanti, secondo quanto previsto dalle disposizioni dell’Unione europea. 4. La Banca d’Italia, sentita la Consob, definisce con regolamento le disposizioni di attuazione del presente articolo, nel rispetto delle disposizioni dell’Unione europea. ))

Art. 41 (( (Operativita’ transfrontaliera delle Sgr). )) ((1. Le Sgr possono operare, anche senza stabilirvi succursali, in uno Stato UE e non UE, in conformita’ al regolamento previsto dal comma 2. 2. La Banca d’Italia, sentita la Consob, stabilisce con regolamento le norme di attuazione delle disposizioni dell’UE concernenti le condizioni e le procedure che le Sgr rispettano per: a) la prestazione negli Stati dell’UE delle attivita’ per le quali sono autorizzate ai sensi della direttiva 2009/65/CE e delle relative disposizioni attuative, ivi inclusa l’istituzione di OICVM; b) l’operativita’ in via transfrontaliera negli Stati UE e non UE, in conformita’ alle previsioni della direttiva 2011/61/UE e delle relative disposizioni attuative, fermo restando quanto previsto nel capo II-ter.)) ((55)) ((3. La Banca d’Italia, nel regolamento previsto dal comma 2, definisce altresi’ le condizioni e le procedure in base alle quali le Sgr sono autorizzate dalla Banca d’Italia, d’intesa con la Consob, per operare in via transfrontaliera negli Stati UE e non UE nei casi esclusi dall’ambito di applicazione delle direttive 2009/65/CE e 2011/61/UE. Ai fini dell’operativita’ delle Sgr in uno Stato non UE e’ necessaria la sussistenza di apposite intese di collaborazione con le competenti autorita’ dello Stato ospitante. 4. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche alle Sicav e alle Sicaf che gestiscono i propri patrimoni. ))

Art. 41-bis (Societa’ di gestione UE). 1. Per l’esercizio delle attivita’ per le quali sono autorizzate ai sensi delle disposizioni dell’Unione europea, le societa’ di gestione UE possono stabilire succursali nel territorio della Repubblica. Il primo insediamento e’ preceduto da una comunicazione alla Banca d’Italia e alla Consob da parte dell’autorita’ competente dello Stato di origine. La succursale inizia l’attivita’ decorsi due mesi dalla comunicazione. 2. Salvo quanto previsto dall’articolo 42, le societa’ di gestione UE possono svolgere le attivita’ per le quali sono autorizzate ai sensi delle disposizioni dell’Unione europea nel territorio della Repubblica senza stabilirvi succursali, a condizione che la Banca d’Italia e la Consob siano informate dall’autorita’ competente dello Stato di origine. 3. Le societa’ di gestione UE che intendono gestire un OICVM italiano rispettano le disposizioni previste nel capo II, nonche’ le disposizioni di attuazione dell’articolo 6, comma 1, lettera c). La Banca d’Italia approva il regolamento del fondo ai sensi dell’articolo 37 o autorizza la Sicav a condizione che: a) il fondo o la Sicav rispetti le norme richiamate nel presente comma; b) la societa’ di gestione UE sia autorizzata a gestire nello Stato di origine un OICVM con caratteristiche analoghe a quello oggetto di approvazione; c) la societa’ di gestione UE abbia stipulato con il depositario un accordo che assicura al depositario la disponibilita’ delle informazioni necessarie per lo svolgimento dei propri compiti. 4. Qualora la Banca d’Italia intenda rifiutare l’approvazione del regolamento del fondo o l’autorizzazione della Sicav di cui al comma 3, consulta l’autorita’ competente dello Stato di origine della societa’ di gestione UE. 5. La Banca d’Italia, sentita la Consob, disciplina con regolamento le condizioni e le procedure che le societa’ di gestione UE devono rispettare per svolgere nel territorio della Repubblica le attivita’ richiamate ai commi 1, 2 e 3 mediante stabilimento di succursali o in regime di libera prestazione di servizi, nonche’ il contenuto dell’accordo tra la societa’ di gestione UE e il depositario previsto nel comma 3, lettera c). ((6. Le societa’ di gestione UE che svolgono le attivita’ di cui ai commi 1 e 3 nel territorio della Repubblica, mediante stabilimento di succursali, sono tenute a rispettare le norme di condotta previste all’articolo 35-decies. La Banca d’Italia e la Consob possono chiedere, nell’ambito delle rispettive competenze, alle societa’ di gestione UE la comunicazione di dati e notizie e la trasmissione di atti e documenti con le modalita’ e nei termini dalle stesse stabiliti. La Banca d’Italia e la Consob, nell’ambito delle rispettive competenze, possono chiedere informazioni al personale delle societa’ di gestione UE, anche per il tramite di queste ultime.)) ((73))

Art. 41-ter (GEFIA UE). 1. Fermo restando quanto previsto nel capo II-ter, i GEFIA UE possono svolgere l’attivita’ di gestione collettiva del risparmio per la quale sono autorizzati ai sensi delle disposizioni dell’UE nel territorio della Repubblica in libera prestazione di servizi o mediante stabilimento di succursali, a condizione che la Banca d’Italia sia informata dall’autorita’ competente dello Stato di origine. La Banca d’Italia trasmette tempestivamente copia di tale comunicazione alla Consob. 2. I GEFIA UE che intendono gestire un FIA italiano rispettano le disposizioni previste nel capo II, le disposizioni di attuazione dell’articolo 6, comma 1, lettera c), e le seguenti condizioni: a) sono autorizzati a gestire nello Stato di origine FIA con caratteristiche analoghe a quelli che intendono istituire e gestire in Italia; b) hanno stipulato con il depositario un accordo idoneo ad assicurare a quest’ultimo la disponibilita’ delle informazioni necessarie per lo svolgimento dei propri compiti. 3. La Banca d’Italia, sentita la Consob, disciplina con regolamento il contenuto dell’accordo tra la societa’ di gestione e il depositario previsto dal comma 2, lettera b). ((4. I GEFIA UE che svolgono le attivita’ previste dal comma 1 e dal capo II-ter nel territorio della Repubblica mediante stabilimento di succursali, sono tenute a rispettare le norme di condotta previste dall’articolo 35-decies e dalle relative disposizioni di attuazione e gli obblighi in materia di gestione dei conflitti di interessi adottati in attuazione dell’articolo 6, comma 2, lettera b-bis), numero 6), e comma 2-bis. La Banca d’Italia e la Consob possono chiedere, nell’ambito delle rispettive competenze, ai GEFIA UE la comunicazione di dati e notizie e la trasmissione di atti e documenti con le modalita’ e nei termini dalle stesse stabiliti. La Banca d’Italia e la Consob, nell’ambito delle rispettive competenze, possono chiedere informazioni al personale dei GEFIA UE, anche per il tramite di questi ultimi.)) ((73))

Art. 41-quater (GEFIA non UE). 1. La Banca d’Italia, d’intesa con la Consob, autorizza i GEFIA non UE alla gestione di FIA italiani e FIA UE o alla commercializzazione nel territorio dell’UE dei FIA gestiti, quando l’Italia e’, ai sensi della direttiva 2011/61/UE, lo Stato di riferimento. La Banca d’Italia trasmette tempestivamente alla Consob copia della richiesta di autorizzazione delle suddette societa’. La Banca d’Italia iscrive i GEFIA non UE autorizzati in un’apposita sezione dell’albo previsto dall’articolo 35. La Banca d’Italia comunica alla Consob le avvenute iscrizioni. 2. Ai GEFIA non UE autorizzati in un altro Stato dell’UE che intendono gestire un FIA italiano in libera prestazione di servizi o mediante stabilimento di succursali si applica, in quanto compatibile, l’articolo 41-ter. ((3. I GEFIA non UE che svolgono le attivita’ previste dal comma 1 nel territorio della Repubblica mediante stabilimento di succursali, rispettano le norme di condotta previste dall’articolo 35-decies e dalle relative disposizioni di attuazione e gli obblighi in materia di gestione dei conflitti di interessi adottate in attuazione dell’articolo 6, comma 2, lettera b-bis), numero 6), e comma 2-bis. La Banca d’Italia e la Consob possono chiedere, nell’ambito delle rispettive competenze, alle succursali italiane di GEFIA non UE la comunicazione di dati e notizie e la trasmissione di atti e documenti con le modalita’ e nei termini dalle stesse stabiliti. La Banca d’Italia e la Consob, nell’ambito delle rispettive competenze, possono chiedere informazioni al personale delle succursali italiane di GEFIA non UE, anche per il tramite di queste ultime.)) ((73)) 4. La Banca d’Italia, sentita la Consob, stabilisce con regolamento: a) le condizioni e la procedura per il rilascio dell’autorizzazione di cui al comma 1; b) le norme di attuazione delle disposizioni dell’UE concernenti le condizioni e le procedure che i GEFIA non UE autorizzati in Italia rispettano per operare in via transfrontaliera negli Stati dell’UE in conformita’ alle previsioni della direttiva 2011/61/UE e delle relative disposizioni attuative, fermo restando quanto previsto dal capo II-ter.

Art. 42 (( (Commercializzazione in Italia di quote o di azioni di OICVM UE). )) ((1. La commercializzazione in Italia di quote o di azioni di OICVM UE e’ preceduta da una notifica alla Consob da parte dell’autorita’ dello Stato di origine dell’OICVM, secondo le procedure previste dalle disposizioni dell’UE e nel rispetto delle relative norme di attuazione adottate con regolamento dalla Consob, sentita la Banca d’Italia. Con il medesimo regolamento la Consob determina le modalita’ di esercizio in Italia dei diritti degli investitori, avuto riguardo alle attivita’ concernenti i pagamenti, il riacquisto e il rimborso delle quote. 2. Alle societa’ di gestione UE che intendono offrire in Italia, senza stabilimento di succursali, quote di OICVM dalle stesse gestiti non si applicano le disposizioni dell’articolo 41-bis. 3. La Consob, sentita la Banca d’Italia, con regolamento: a) individua le informazioni da fornire al pubblico nell’ambito della commercializzazione delle quote o delle azioni nel territorio della Repubblica nonche’ le modalita’ con cui tali informazioni devono essere fornite; b) determina le modalita’ con cui devono essere resi pubblici il prezzo di emissione o di vendita, di riacquisto o di rimborso delle quote o delle azioni. 4. La Banca d’Italia e la Consob possono richiedere, nell’ambito delle rispettive competenze, agli emittenti e a coloro che curano la commercializzazione delle quote o delle azioni indicate nel comma 1 la comunicazione, anche periodica, di dati e notizie e la trasmissione di atti e documenti. ))

Ultima modifica: 7 maggio 2018